Estate, tempo di benessere e di momenti di allegria intorno al barbecue, con ricette profumate dalle erbe aromatiche: ecco qualche consiglio utile.

Il barbecue, più che un sistema di cottura, è un piccolo avvenimento sociale. Diventa un motivo di incontro e di convivialità: l’idea di una bella grigliata è spesso associata a quella di ritrovarsi con parenti e amici, in un’atmosfera rilassata e festosa. Dal tipo di utilizzo che se ne intende fare, oltre che dallo spazio a disposizione, dipende la scelta del modello da acquistare: si darà la preferenza a strutture fisse, anche di grandi dimensioni, talvolta con forno abbinato, se si intende utilizzare questo sistema di cottura con una certa frequenza, cucinando per più persone; converrà orientarsi su modelli portatili, comodi da posizionare ovunque e da riporre, se non si può sfruttare uno spazio apposito e se l’impiego è saltuario, per non ingombrare una parte del giardino con un impianto fisso. Un’altra soluzione è rappresentata dai barbecue su supporto a tripode o a colonna; pur non essendo fissi come quelli in muratura, è consigliabile collocarli in spazi da cui non sia necessario doverli spostare di frequente. Va anche detto che non tutti i modelli sono dotati di copertura, e dunque si deve considerare l’evenienza di doverli mettere al riparo dalla pioggia e dalle intemperie.

Utili accorgimenti per cucinare alla brace
Se il barbecue permette di cucinare praticamente ovunque, e allora basta che sia pratico e funzionale, quando lo si sceglie per utilizzarlo a casa propria non dispiace certo che offra comodità a cui risulta difficile rinunciare nell’ambiente domestico. Nel caso della struttura fissa, si dovrà sempre considerare di corredarla di piani di lavoro e di appoggio adeguati per cucinare sul posto, senza dover sempre correre in casa per recuperare posate, stoviglie o condimenti. Per questo stesso motivo è preferibile che la zona barbecue non sia eccessivamente lontana dall’abitazione e in particolare, dalla cucina; nei pressi ci devono essere una presa di corrente e una fonte idrica.
L’area con tavoli e sedie dovrà essere abbastanza comoda per il servizio, ma distante quel tanto che basta per proteggere i commensali sia dai fumi che da eventuali faville. Il barbecue deve essere su una superficie piana, meglio se lavabile e sufficientemente ampia per poggiarvi anche i piedi mentre si cucina.
Bisogna sempre avere l’avvertenza – e la pazienza – di cominciare a cuocere sui modelli a carbonella quando le braci sono ben accese. I cibi vanno collocati sulla griglia a riscaldamento avvenuto perché non si attacchino e dopo averli preventivamente marinati in olio e aromi (da spennellare anche durante la cottura per non far seccare le parti esterne). Il sale va utilizzato alla fine. Le carni, soprattutto quelle rosse, non vanno forate con forchette per non far fuoriuscire i succhi.

Barbecue + erbe aromatiche: un piacere profumato
Circondate la zona del barbecue con vasi o bordure di erbe aromatiche, indispensabili per insaporire le vostre ricette con foglie fragranti e ricche di essenze dal profumo appetitoso. Le aromatiche, oltre che a dare sapore, hanno anche il ruolo di limitare o azzerare l’uso del sale, grazie all’aroma che conferiscono a carni, pesce e verdure; la marinata di olio d’oliva extravergine insaporito con rosmarino, timo, prezzemolo, finocchietto, erba cipollina, aglio o quant’altro a voi gradito, è utile per spennellare i cibi durante la cottura mantenendoli saporiti. Anche per la frutta al barbecue vengono utili le erbe aromatiche: potete preparare spiedini di frutta (pesche, banane, ananas…) scottata alla griglia o piastra e insaporita con la menta, come ottimo dessert vegetariano e light.

Per ogni dubbio o quesito, Gesal può aiutarti: consulta ora i nostri esperti!