Bonsai da esterno

Quali scegliere e come posizionarli

Come scegliere un bonsai da esterno? Come posizionarlo? I bonsai da esterno vanno posizionati in modo corretto per evitare che si danneggino a causa del troppo sole o di una posizione eccessivamente ombreggiata. In questo articolo vi suggeriamo dei piccoli accorgimenti da seguire per coltivare e accudire il vostro bonsai da giardino.

Bonsai da esterno
Quasi ogni pianta presente nel vostro giardino potrebbe venire coltivata come bonsai, dal melo al rododendro, dall’acero al ginkgo biloba, dal cipresso al glicine. Chiaramente si scelgono in genere piante che ben sopportano le potature e che possono venire coltivate in vaso con facilità.
Ci sono piante da bonsai da esterno sempreverdi o con foglie caduche, in ogni caso si tratta di esemplari che possono venire coltivate in giardino lungo tutto l’arco dell’anno; chiaramente se vivete in zone con inverni decisamente freddi, sarà opportuno durante la stagione fredda posizionare i vostri bonsai in un luogo soleggiato o comunque in una zona riparata dal freddo, ed evitare che la terra nei piccoli vasi si congeli completamente, rovinando così le radici.
Nei vivai si trovano molti bonsai da esterno, di varie dimensioni; volendo potete anche acquistare giovani pianticelle in vaso, da coltivare come prebonsai, per ottenere il vostro bonsai da zero, nel corso degli anni.

Posizionare i bonsai da esterno
I bonsai da esterno non temono il gelo e quindi si possono coltivare all’aperto tutto l’anno; anzi, sarebbe opportuno evitare di posizionarli in un ambiente riscaldato.
I bonsai da esterno si tengono sul terrazzo o in giardino; durante i mesi freddi è necessario trovare una zona ben soleggiata, in modo che le temperature non scendano eccessivamente sotto lo zero. Se il clima dovesse presentarsi particolarmente rigido, è utile spostare le piante in serra fredda, o al riparo sotto un telo di agritessuto; oppure è possibile avvolgere il vaso con più strati di agritessuto, in modo da evitare che il terriccio geli, rovinando irreparabilmente le radici.
Nel periodo estivo, spostate i vasi in una zona semi-ombreggiata, dove le piante ricevano i raggi diretti del sole soltanto nelle prime ore del mattino, o comunque in un momento fresco della giornata: il sole caldo dei pomeriggi di luglio rende arido il terriccio molto rapidamente, e anche poche ore possono causare danni alla pianta.