Erbe aromatiche

Come coltivarle e usarle in cucina

Coltivare le erbe aromatiche e officinali in balcone, terrazzo e giardino è facile. Le erbe in cucina sono preziose per dare sapore ai piatti e le loro virtù curative sono utili per la nostra salute.

Le buone erbe aromatiche accompagnano da secoli l’uomo con le loro virtù in cucina e per la salute. Sono piante davvero facilissime, poco esigenti e con un alto valore ornamentale. Molte di esse sono coltivabili senza difficoltà anche in vasi e cassette sul balcone.

Le aromatiche in giardino
Realizzare una zona di aromatiche in giardino, in cortile, ai bordi dell’orto è un’operazione semplice che offrirà durevoli soddisfazioni. Poiché le erbe sono destinate al consumo alimentare, l’ideale è coltivarle lontano da alberi da frutto sottoposti a trattamenti fitosanitari, e non in prossimità di strade ad alto traffico o altre fonti di inquinamento. La coltivazione biologica è la formula consigliata, utilizzando i prodotti della gamma Gesal Difesa Naturale.

Se create un herb garden in giardino, ossia una zona dedicata alle erbe aromatiche e officinali, un sistema efficace è quello di preparare delle aiuole leggermente sopraelevate, accumulando la terra fino a 20 cm dal piano, e formando aiuole non troppo grandi e quindi raggiungibili da ogni lato. Questo era il concetto degli antichi “orti dei semplici” coltivati dai monaci. Potete allestire piccole aree quadrate o triangolari, oppure comporre dei disegni a raggiera intorno a un fulcro centrale in cui piantare un alberello (alloro, limone…). Le zone momentaneamente vuote nel corso delle stagioni, ad esempio perché occupate da specie a ciclo stagionale estivo, che in autunno scompaiono, possono essere colmate provvisoriamente con ciottoli decorativi o corteccia sminuzzata senza che il disegno complessivo perda di bellezza.

Alcune piante sono immediatamente riconoscibili, come salvia, basilico e rosmarino; altre invece sono facili da confondere, ad esempio la maggiorana e l’origano: meglio corredare ogni esemplare con un’etichetta per conservare la memoria del nome botanico.

Le buone erbe in balcone e terrazzo
Se il terrazzo è soleggiato, la scelta è ampia: il basilico, la salvia, il rosmarino, l’origano, il finocchietto e il timo, per esempio, saranno perfettamente a loro agio in pieno sole.

Il basilico produce foglie di forma e dimensioni diverse, piccolissime come nel basilico greco o enormi come in quello napoletano; il più famoso è quello genovese, utile per il classico pesto, ma c’è anche un basilico con foglie di colore rosse, molto decorativo. Non dovete mai permettere che si formino le spighe di piccoli fiori bianchi: cesserebbe la produzione di foglie. Eliminate le infiorescenze man mano che si creano.

Anche della salvia esistono molti tipi: con foglie screziate, rosse o dal profumo curioso (mela verde, ananas…).

Il rosmarino esiste nella varietà prostrata, molto bella in ciotole e cassette: produce molti fiori ed è anche decorativo oltre che molto profumato e utile in cucina.

In mezz’ombra potete coltivare menta, melissa e prezzemolo; anche il basilico resiste con poco sole.

Le cure per le erbe aromatiche in vaso sono molto semplici. Basta tener presente che hanno esigenze idriche limitate e detestano avere acqua in eccesso (con l’eccezione di tutti i tipi di menta). Il contenitore sarà preferibilmente grande e profondo. Il drenaggio, ossia il deflusso dell’acqua dopo le irrigazioni, dovrà essere impeccabile; ricordatevi di svuotare il sottovaso se dopo qualche ora l’acqua in eccesso non sarà ancora stata assorbita.

Le piante che hanno raggiunto dimensioni arbustive (rosmarino, salvia, mirto e alloro) si potano ogni anno subito prima della ripresa primaverile; eliminate i rami secchi o danneggiati e quelli che rovinano l’armonia della chioma.

Il fabbisogno di concime delle piante aromatiche è limitato: sarà sufficiente una dose di Gesal Nutrimento liquido sangue di bue, ogni 15 giorni da maggio a settembre.

Coltivare le erbe aromatiche offre numerosi altri benefici: attirano api, farfalle e altri insetti utili creando un mondo di biodiversità nello spazio verde. Inoltre, sono un efficace deterrente contro le zanzare, che non gradiscono la loro fragranza (in particolare quella di menta, lavanda, basilico e timo).

I loro influssi positivi sulla nostra salute sono numerosi e naturali: usare le erbe aromatiche in cucina è un modo saporito e invitante per tutelare il benessere del nostro organismo.

Per ogni dubbio o quesito, Gesal può aiutarti: consulta ora i nostri esperti!

Lascia il tuo commento

6 comments

  1. anna

    Perche nel basilico dopo che e cresciuto perbene ce qualcosa che si mangia le foglie .cosa fare?

    • Redazione

      Ciao Anna e grazie per il commento. Se ci invii una foto del tuo basilico possiamo darti il consiglio più adatto. Puoi inviarci una foto e una breve descrizione del problema a partire da qui: http://localhost/gesal/chiedi-esperto/. Grazie mille :)

  2. rossella

    Mi e’ piaciuta la panoramica ma mi sarebbe piaciuto saperne di più nello specifico

  3. romana smaldino

    Interessante articolo gradirei maggiori informazioni sulla coltivazione delle erbe aromatiche e anche di ortaggi in terrazza.Grazie.