Fiori primaverili (balcone e giardino): elenco e caratteristiche

fiori di primavera

Fiori primaverili (balcone e giardino): elenco e caratteristiche

Fiori primaverili: scopri quali sono i più amati e i consigli sulla loro coltivazione e cura.

La scelta di coltivare fiori primaverili con il loro tripudio di colori e profumi è un’idea perfetta per celebrare l’arrivo della bella stagione.

La presenza di fiori primaverili rappresenta, infatti, un ottimo modo per rendere qualunque spazio all’aperto, che sia un balcone in città o un giardino immerso nel verde, ancora più accogliente e piacevole da vivere.

Scoprite, allora, tutto sui fiori primaverili, da una selezione delle varietà più amate ai segreti per coltivarle alla perfezione per godere appieno e il più a lungo possibile della loro bellezza.

I 10 fiori primaverili più amati

Tra i 10 fiori primaverili più amati vi sono piante molto semplici, adatte a essere coltivate con soddisfazione anche dai meno esperti.

Molti di questi fiori, inoltre, si prestano alla creazione di scenografici abbinamenti capaci di donare un tocco di colore e personalità a qualunque spazio all’aperto.

Primule

Le primule sono il fiore primaverile per eccellenza, quello che per primo fa capolino nei prati per segnalare che l’inverno sta volgendo al termine.

L’ideale per coltivarle è posizionarle in una zona ombreggiata e concimarle con un concime universale per piante fiorite ogni 2 o 3 settimane.

Il periodo di fioritura delle primule può arrivare fino al termine di aprile ed il consiglio in più per godere della loro bellezza è piantarle fitte in modo da creare un incantevole tappeto colorato.

Gerani

I gerani sono una pianta ornamentale facile da coltivare, resistente e versatile in quanto è possibile scegliere tra molteplici varietà a seconda dell’effetto estetico che si desidera realizzare.

L’importante per assicurarsi  una rigogliosa fioritura è scegliere una buona esposizione al sole, utilizzare un terriccio e un concime per gerani e non eccedere nell’innaffiatura. Questi fiori, infatti, amano i climi caldi e secchi.

Viole del pensiero

Le viole del pensiero sono fiori primaverili piuttosto resistenti e capaci di donare grandi soddisfazioni anche ai principianti del giardinaggio.

La loro esposizione ideale è in aree dove possono godere di pieno sole ma se vengono piantate in zone ombreggiate l’unico rischio che si corre è ottenere piantine con fiori più piccoli e foglie più sviluppate rispetto alla media. 

La loro fioritura avviene tra maggio e giugno ed è importante mantenere il loro terreno sempre umido.

Se si sceglie questo fiore primaverile il consiglio è creare suggestive composizioni giocando con colori e sfumature. Si contano, infatti, più di 500 varietà di viola e tra le più scenografiche vi sono la Viola Tricolor e la Viola Cornuta.

Pratoline

Le pratoline con la loro deliziosa semplicità possono rappresentare una scelta raffinata per celebrare l’arrivo della primavera.

Questi fiori non amano i climi troppo caldi e se coltivati in vaso necessitano di annaffiature regolari e frequenti facendo, comunque, attenzione a non creare ristagni.

Narciso

Il narciso è uno dei fiori primaverili tra i più amati e la varietà più adatta a essere coltivata alla fine dell’inverno è il Narcissus Poeticus chiamato anche fiore di maggio.

Questo fiore cresce al meglio nelle zone ombreggiate e fresche ma può adattarsi anche a colture in pieno sole a patto di annaffiarlo in maniera regolare per mantenere il terreno umido.

La sua fioritura è, inoltre, molto lunga e si protrae fino a ottobre.

Campanule

Le campanule sono fiori non solo incantevoli ma anche facilissimi da coltivare sia in vaso che in terra e in entrambi i casi la loro posizione ideale è in penombra e mai esposte ai raggi diretti del sole

Le campanule si prestano benissimo a essere piantate anche in zone dai climi piuttosto rigidi in quanto non amano temperature superiori ai 15°C.

Tulipani

I tulipani con i loro colori forti e vistosi sono capaci di donare un tocco di allegria a qualunque ambiente.

Questi fiori sono molto resistenti e anche se preferiscono i climi temperati riescono ad adattarsi bene sia al caldo che al freddo.

Durante la loro fioritura è importante tenere il terreno costantemente umido evitando però ristagni d’acqua che possono fare marcire il bulbo.

Calendula

La calendula è un fiore molto semplice da coltivare, ama il pieno sole e non teme il caldo intenso a patto di assicurarle un’innaffiatura regolare ma non troppo abbondante.

Piantare questo fiore vicino all’orto può rivelarsi molto utile in quanto tiene alla larga parassiti del terreno come i nematodi e attrae gli insetti impollinatori.

Questo fiore ha, inoltre, petali commestibili che possono essere aggiunti nelle insalate e da secoli è usato per le sue virtù officiali in quanto ha eccellenti proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti e disinfettanti.

Ranuncolo

Il ranuncolo è un fiore dall’apparenza delicato ma in realtà molto resistente.

Può essere coltivato sia in vaso che in giardino in terreni acidi e umidi, ma è importante non posizionarlo in pieno sole in quanto nelle ore centrali della giornata potrebbe soffrirne.

Durante la fioritura, le annaffiature devono essere costanti ma mai eccessive ed è consigliabile utilizzare un concime liquido per acidofile una volta a settimana.

Begonie

Le begonie sono un fiore primaverile che può donare delle belle fioriture per tutta l’estate.

Questo fiore deve essere posizionato in zone semi ombreggiate in quanto teme il sole ed è fondamentale garantire innaffiature abbondanti facendo attenzione a non creare ristagni d’acqua. 

Come coltivare i fiori primaverili in balcone o giardino

Al fine di godere al meglio della bellezza dei fiori primaverili, il consiglio è non lasciarsi guidare dall’istinto attratti da colori e profumi ma fare una scelta ragionata delle piante che possono dare i migliori risultati nelle condizioni offerte.

Un primo passo è scegliere i fiori primaverili in base alla tipologia di coltura, se in vaso o in terra. Ci sono, infatti, specie che possono dare soddisfazioni in entrambe le situazioni ma anche fiori che possono soffrire o una o l’altra condizione.

Altro fattore fondamentale da valutare è il clima del luogo dove si vive e l’esposizione al sole di cui godranno i fiori.

Fatte queste valutazioni è poi possibile scegliere i fiori primaverili più adatti e seguire le indicazioni relative alla loro cura riguardanti frequenza di innaffiatura, concimazione e anche l’eventuale necessità di difenderle da parassiti.

Fiori primaverili da vaso

Tra i fiori primaverili da vaso più diffusi e facili da coltivare vi sono il geranio, le primule, le viole del pensiero e le begonie.

Tutti questi fiori possono ovviamente essere coltivate anche in giardino assicurando le giuste condizioni.

Fiori primaverili da giardino

Tra i fiori primaverili da giardino vi sono l’azalea, l’anemone, l’ortensia, il croco e la peonia.

Questi fiori, pur disponibili anche in vaso, messi a dimora nel terreno trovano la loro situazione ideale offrendo fioriture più rigogliose e lunghe.

Fiori primaverili perenni

Esistono, inoltre, alcuni fiori perenni che fioriscono all’inizio della primavera donando anno dopo anno una nota di colore a giardini e balconi.

Tra questi fiori primaverili perenni ci sono l’elleboro, la bergenia, la mertensia virginica e la sanguinaria canadensis.

Il consiglio degli esperti di Gesal

Per assicurare alle vostre piante le giuste condizioni di crescita e fioritura e tutto il nutrimento di cui hanno bisogno è fondamentale utilizzare i prodotti giusti in base alle varietà coltivate.

È possibile scegliere tra terricci aventi composizioni diverse ideate sulle specifiche esigenze delle diverse tipologie di piante, da quelle acidofile a quelle aromatiche, e scegliere poi i concimi granulari o i concimi liquidi più adatti.

Da non dimenticare, inoltre, la necessità di proteggere sia le piante da giardino che quelle di casa con un insetticida di qualità.

Per ogni dubbio o domanda, entra a far parte della nostra community e scrivici!

Prodotti consigliati